info: Tel.: 0744.982878 - cell.:+39.335.284319
perspettacoli@tiscali.it

CENSURA/PROIBIZIONISMO e “LIBERTÀ” a confronto

CENSURA/PROIBIZIONISMO e “LIBERTÀ” a confronto

Come molti di voi, anche io mi trovo a cavallo tra due epoche o generazioni, sia musicali, che di vita.

La differenza tra questi due estremismi è sensibile. Abbiamo vissuto l’eccesso dell’uno e dell’altro.

Pensate negli anni ’60 esisteva una Commissione di ascolto che decretava se le canzoni fossero idonee per essere trasmesse in televisione o in radio e nel caso in cui non avessero passato la selezione, veniva applicato un bollino in cui c’era scritto “non trasmettere” o “non idoneo” a seconda dei casi, oppure “scartato”, se il problema era tecnico sulla qualità del disco. Nei primi due casi, la destinazione del brano poteva essere solo esclusivamente utilizzato a fini discografici.

Sembrerebbe che la famosissima canzone di Mina che oggi conosciamo con il titolo “l’importante è finire”, all’inizio si intitolava “l’importante è venire” e proprio a causa di questo titolo chiaramente allusorio alla sfera sessuale, venne censurata e bandita dalle trasmissioni Rai e in radio.

Oggi stiamo vivendo l’esatto contrario, non esiste più una tutela in grado di salvaguardare l’etica e l’arte. Grazie a potenti strumenti di pubblicazione che permettono, dietro corrispettivo, un’enorme visibilità, oggi non c’è più chi garantisce realmente la tutela e la selezione dell’arte.

Esattamente quello che ha attraversato l’adolescenza dai nostri tempi ad oggi. Era più bello conquistarsi il tutto senza avere niente, oppure avere tutto senza conquistarsi niente?

Simona Quaranta

Tags: , , , , , ,